C.O.C. E PROCEDURE DI ALLERTAMENTO LOCALI

Il  Centro Operativo Comunale C.O.C., è responsabile delle attività a livello comunale – locale, il cui massimo punto di riferimento è il Sindaco o suo delegato. Esso in base alle situazioni e le eventuali indicazioni del Sistema Regionale di PC, definisce i livelli di allertamento locali:

NORMALITA’ (Assenza di colore)

Considerati i fattori monitorati dal C.O.C. non vi è evidenza di un possibile evento calamitoso sul territorio

PRE – ALLERTA  (COLORE GIALLO)

E’ possibile che un evento calamitoso si verifichi sul territorio regionale, le cui conseguenze potrebbero ripercuotersi sull’incolumità della popolazione, ma la probabilità di accadimento è ancora condizionata da molteplici fattori, monitorati ed in evoluzione.

ALLERTA (COLORE ARANCIONE)

Considerati i fattori monitorati dal C.O.C., è atteso sul territorio comunale un evento calamitoso, immediato od ipotizzabile, che potrebbe ripercuotersi sull’incolumità della popolazione e/o sul territorio. Il C.O.C.si attiverà sul territorio con azioni di prevenzione.

EMERGENZA (COLORE ROSSO)

Un evento calamitoso, con possibili conseguenze per la pubblica incolumità e per il territorio, è in fase di sviluppo sul territorio comunale ed è costantemente monitorato dal C.O.C., che opera sul territorio con azioni di tutela della popolazione e riduzione del rischio.

CALAMITA’ (COLORE NERO)

Un evento calamitoso, di gravità eccezionale per la pubblica incolumità e per il territorio, ha colpito il territorio comunale ed è costantemente monitorato dal C.O.C., che opera sul territorio con azioni di tutela della popolazione e riduzione del rischio.

LE AREE DI EMERGENZA

COSA SONO?

Le aree di emergenza sono le aree destinate, in caso di emergenza , ad uso di protezione civile. Esse vengono preventivamente individuate nelle pianificazione di emergenza e si dividono in:

AREE DI ATTESA INFORMAZIONE E PRIMO SOCCORSO

Sono i luoghi di prima accoglienza per la popolazione; possono essere utilizzate piazze, slarghi, parcheggi, spazi pubblici o privati non soggetti a rischio (frane, alluvioni, crollo di strutture attigue etc.) Raggiungibili attraverso un percorso sicuro.

AREE DI RICOVERO E/O ATTENDAMENTI

Sono luoghi, individuati in aree sicure rispetto alle diverse tipologie di rischio e poste nelle vicinanze di risorse idriche, elettriche e fognarie, in cui vengono installati i primi insediamenti abitativi per alloggiare la popolazione colpita.

AREE DI AMMASSAMENTO RISORSE E SOCCORRITORI

Sono luoghi, in zone sicure rispetto alle diverse tipologie di rischio, dove dovranno trovare sistemazione idonea i soccorritori e le risorse necessarie a garantire un razionale intervento nelle zone di emergenza.

 

AREE DI EMERGENZA NELLA TUA CITTA’ DA USARE IN CASO DI CALAMITA’

AREE DI ATTESA INFORMAZIONE E PRIMO SOCCORSO

CAPOLUOGO

AREA 1  PARCHEGGIO VIA RIMEMBRANZE | AREA 2  PARCHEGGIO VIA  A. MORO

AREA 3  PARCHEGGIO  PIAZZA PORTANOVA |  AREA 4  PARCHEGGIO VIA F. BIONDO (CENTRO SOCIALE)

PANDOLA: AREA 1  VIA CAMPO SPORTIVO (AREA STADIO – ZONA ASI)                                       

ACIGLIANO: AREA 1  LARGO DEL TIGLIO  - PARCHEGGIO PARCO DELLE MIMOSE

CIORANI – GALDO: AREA 1  PARCHEGGIO VIA NOCELLETO

TORELLO: AREA  1  PARCHEGGIO VIA TUORO  

CARIFI: AREA  1   PARCHEGGIO ESTERNO ACP VIA CIORANI - PRISCOLI

S.VINCENZO: AREA 1 PARCHEGGIO SCUOLA ELEMENTARE VIA VINCENZO ALFANO

COSTA: AREA 1  PARCHEGGIO (CAMPO CALCETTO)

PRISCOLI: AREA 1   (LARGO NUOVE COSTRUZIONI) VIA PRISCOLI

CURTERI: AREA 1  PARCHEGGIO PUBBLICO C.SO UMBERTO I°

S.ANGELO: AREA 1  PARCHEGGIO VIA CARMINE AMATO

VALLE: AREA 1  PIAZZA MARIGLIANO

PIAZZA DEL GALDO: AREA 1  PARCHEGGIO VIA CIRILLO

S.EUSTACHIO: AREA  1  ZONA  PIP

CORTICELLE: AREA 1 PARCHEGGIO VIA CORTICELLE (ADIACENTE CHIESA)

MONTICELLI: AREA 1  ZONA PIP  (AZIENDA RUSSO)

OSCATO: AREA 1 PARCHEGGIO (NUOVI ACP)

SPIANO: AREA 1  PARCHEGGIO ADIACENTE CHIESA – CAMPO DOI CALCETTO

ACQUAROLA: AREA 1   PARCHEGGIO ACP

 

PROCEDURE DI ALLERTA METEO NELLA TUA CITTA’

Il  Centro Operativo Comunale C.O.C., è responsabile delle attività a livello comunale – locale, il cui massimo punto di riferimento è il Sindaco o suo delegato. Esso in base alle situazioni e le eventuali indicazioni del Sistema Regionale di PC e dal Servizio Meteo Locale,  definisce i seguenti livelli di allertamento:

ALLERTA 1  (COLORE VERDE)

Il primo livello rappresenta il grado più basso nella scala e viene utilizzato per fenomeni forti che necessitano l’intervento limitato di organi di protezione civile. Questi possono risultare pericolosi a scala locale

Temporali  intensi o forti   Pluviometria  (> 50 mm/12h)  

Neve  (<15 cm gg apporti modesti)

Ondata di Freddo o Caldo  (>o<10° e dalle medie del periodo)

Vento (> 50 km h )

ALLERTA 2 (COLORE GIALLO)

Il secondo livello di allerta viene invece emesso in concomitanza di situazioni di forte pericolo per il territorio e massima attenzione da parte del C.O.C.. Indica periodo esteso e forte.

Temporali forti o molto forti (Grandine media, allagamenti estesi)

Pluviometria  (> 100 mm /12h)

Neve (>15cm / gg apporti considerevoli)

Ondata di freddo/caldo (>o< 15° dalle medie del periodo)

ALLERTA 3 (COLORE ROSSO)

Massimo grado di allerta con situazioni fuori dalla normalità che necessitano misure straordinarie da parte degli organi del C.O.C.. Allerta 3 indica situazione di grave dissesto per il territorio

Temporali violenti (grandine grande, alluvione, tornado)

Pluviometria (> 150 mm / 12 h)

Neve (> 50cm /gg apporti eccezionali)

Compatibility

Joomla! 3.x fully support

Il template Pixel è nativamente compatibile con  Joomla! 3.x.

Il pacchetto d'installazione è compatibile con Joomla CMS.

 

Who's Online

Abbiamo 213 visitatori e nessun utente online

Le attività

 

Scrivici

 

Vuoi chiedere informazioni sui nostri servizi? Vuoi inviare una segnalazione? contattaci

Dove siamo

 

Siamo a Mercato S. Severino, in via Ciorani 11, frazione Lombardi. Segui le indicazioni stradali

 

SODALIS CVS Salerno

 

Centro Servizi per il volontariato della Provincia di Salerno. Anche noi sul web 3.0 www.csvsalerno.it

 

Vai all'inizio della pagina